Mio caro fumetto... - Melvina
Letture

Melvina e la fretta di crescere…

Mio caro fumetto... - Copertina di Melvina

Melvina (Bao Publishing, 2019), l’opera di esordio di Rachele Aragno, è una favola che ha per protagonista l’alter ego dell’autrice, da lei creato a 13 anni, quando venne a mancare il suo amato nonno.

Melvina è una ragazzina dai capelli rossi fuoco che ha fretta di crescere anzitempo perché si sente incompresa, non ascoltata dagli adulti e dalla famiglia, e considerata solo una bambina incapace di capire “le cose dei grandi”.

Melvina un giorno sorprende i genitori a parlare di una scelta che avrebbe cambiato il suo futuro senza coinvolgerla e, contrariata, si allontana.

Inseguendo il suo gatto Ottavio sul tetto della sua casa cade e finisce catapultata in un mondo magico parallelo. Qui fa la conoscenza del signor Otto e di altri bizzarri personaggi dalle fattezze animali. Incredibilmente la stavano aspettando in quanto “prescelta”, l’unica in grado di sciogliere gli incantesimi del malvagio Malcape. Ma chi è questo Malcape? In che modo potrà lei riuscire nel suo arduo compito?

Melvina si fa coraggio, accetta la sfida e parte per un viaggio nell’Aldiqua accompagnata dal fido signor Otto, un novello Virgilio. Durante il percorso dovrà affrontare tante avventure ed insidie, farà incontri incredibili che la cambiaranno, la plasmeranno, le daranno modo di riflettere, di divenire man mano più saggia, di crescere e imparare a dare il giusto valore al tempo. Ritroverà affetti perduti e si renderà conto di cosa si rischia di perdere quando si desidera diventare adulti troppo presto.

Ciò che sorprende di questa graphic sono i disegni acquerellati dai magnifici colori e dai tratti destinati a diventare inconfondibili, oltre alla fantasia dell’autrice nell’inventare i più assurdi personaggi e situazioni degne dei mondi di Alice nel paese delle meraviglie e de Il mago di Oz.

Di contro a mio avviso manca un po’ l’approfondimento delle paure e dei dolori esorcizzati da Rachele Aragno attraverso questo racconto. La sensazione è che la sfera emotiva non sia del tutto esplorata.

È pur vero che l’autrice sta già lavorando ad un seguito della storia, ad una Melvina cresciuta. La notizia circola già sui social. Può essere dunque che in questo primo volume abbia voluto lasciare intenzionalmente aperte delle strade, anche emozionali. Attendiamo.

Libro adatto a tutti, grandi e piccini!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *